Iniziare ad amare se stessi

Roberta Guttilla

La prima cosa da fare per essere felici nella vita, è iniziare ad amare veramente se stessi.

Amare se stessi, infatti, rappresenta il primo passo per imparare ad amare gli altri, e permettere loro di amarci. Se non sei in grado di volerti bene, difficilmente sarai in grado di amare pienamente gli altri. E' come un muscolo che va allenato giorno dopo giorno, un'abilità che si costruisce nel tempo, attraverso una serie di comportamenti coerenti con il desiderio di dare valore a sé e alla propria vita.

Quando eravamo piccoli amavamo noi stessi in modo molto naturale, tuttavia, con il passare del tempo i genitori, la scuola e la Chiesa hanno iniziato a farci credere che questo comportamento fosse sbagliato ed egoistico. Da allora, il messaggio che è rimasto impresso nella nostra memoria è che gli altri sono più importanti e contano di più.

 

"Ama te stesso. Perdona te stesso. Sii fedele a te stesso. Il modo in cui tratti te stesso definisce il modo in cui gli altri ti tratteranno"

Steve Maraboli.

 

Eppure, proprio come nella nostra vita impariamo a camminare, correre e parlare, abbiamo bisogno anche di imparare nuovamente ad amarci e volerci bene.

Per iniziare ad amare noi stessi, infatti, è importante partire innanzitutto dal nostro corpo. Sì hai capito bene!

Per amarsi è fondamentale accettare il proprio fisico per intero. Se non ti piace, vuol dire che non ti accetti come essere umano. E se non perdi occasione per criticarti e non ti accetti veramente, come potrai mai pensare di considerarti degno d'amore ed essere in pace con te stesso?

I rapporti con il prossimo passano anche attraverso l'amore che provi verso te stesso e il tuo corpo. L'immagine che hai di te si riflette su tutto quello che ti circonda, determinando quello che ti accade e i rapporti in cui sei coinvolto. Accettarti per quello che sei indipendentemente dal tuo aspetto, è il primo esercizio d'amore che puoi praticare nei tuoi riguardi. Impara ad apprezzare il tuo fisico, riconoscendone il valore e dichiarandolo attraente per te. Sei tu a decidere cosa è bello o meno e a respingere qualsiasi paragone con gli altri. Rifletti a quante cose che puoi fare grazie al tuo corpo che è perfetto così come è, ricordando che nessuno di noi è perfetto, ma che siamo tutti felicemente imperfetti.

Solamente quando impari ad amarti con la reale intenzione di farlo, ti stai assumendo la responsabilità di creare dentro di te i livelli di benessere che prima tendevi a delegare a fattori esterni. La sola persona verso la quale è bene tu sia ogni giorno migliore, sei e sarai sempre solo tu. :)

Come sostiene Louise L. Hay nel suo libro "Ama te stesso" quando amiamo, accettiamo e approviamo realmente noi stessi, così come siamo, tutto andrà bene nella nostra vita. L'approvazione e l'accettazione di se stessi, nel qui e ora, sono le chiavi per arrivare a cambiamenti positivi in ogni aspetto della nostra vita.

 

"La vita ti tratta come tu tratti te stesso"

Luise Hay

 

Le diverse forme del "non amarsi":

  • Non regalandoti cose che vorresti avere anche se puoi permettertele, perché pensi che siano superflue o peggio ancora di non meritarle abbastanza;
  • Giustificandoti per il tuo bell'aspetto con frasi del tipo: "è solamente merito del trucco"; "quest'abito fa miracoli", invece di rispondere semplicemente con un grazie;
  • Respingendo i complimenti con frasi del tipo: "sono stata solo fortunata"; "lo sanno fare tutti" perché quando eri piccolo ti è stato fatto credere che è segno di buona educazione;
  • Attribuendo ad altri il merito quando in realtà è solo tuo "non ho fatto nulla di speciale, ha fatto tutto Giulia";
  • Chiedendo ad altre persone di verificare le tue opinioni "è quello che ha detto Mario, giusto?"
  • Rivolgersi a frasi depotenzianti: ad esempio, un uomo ti dice che sei bella e mentalmente pensare "lo dice solo perché sa che è quello che voglio sentirmi dire";
  • Negando il tuo valore, dandoti o facendoti dare dei nomignoli nei quali non ti riconosci come adulto e che ti mortificano (Ciccio, cerottino, polpettina ecc.);
  • Facendosi compatire per avere l'attenzione e l'approvazione degli altri con frasi del tipo: "capitano tutte a me, sono proprio sfortunato", trovando molti capri espiatori a cui dare la responsabilità.

 

"La relazione più importante, difficile ed emozionante è quella che si ha con sé stessi"

S.J.Parker.

 

Cosa significa iniziare a volersi bene veramente:

  • quando cominciamo a sentirci bene così come siamo e ci accettiamo incondizionatamente:
  • volersi bene per come si è aiuta ad accettarsi, ad amarsi nonostante il fatto di non essere perfetti e a concedersi la possibilità di fare errori. Nel momento in cui ci accettiamo, ci rendiamo conto di quanto possiamo essere forti e che poche circostanze possono sfuggire alla nostra volontà. Volersi bene è un modo per sentirsi liberi;
  • quando abbiamo una relazione salutare con noi stessi:
  • per amare in modo sano un'altra persona, è fondamentale che prima di tutto impariamo ad amare noi stessi in maniera equilibrata, e che diventiamo consapevoli e capaci di ricalibrare il nostro mondo su di noi con amore e gentilezza;
  • quando siamo capaci di vederci con amore in ogni circostanza:
  • al di la delle situazioni, dell'età, del tempo proviamo nei nostri confronti sentimenti di amore e tenerezza. Riconosciamo a noi stessi le nostre unicità e il nostro valore, imparando finalmente a guardarci con riconoscenza e consapevolezza;
  • quando abbiamo un livello alto di autostima e ci amiamo senza condizioni, sentendoci meritevoli di tutto il bene e di qualsiasi cosa desideriamo:
  •  siamo consapevoli di meritare più del rispetto altrui, sentiamo l'importanza di "pretendere" il rispetto e l'amore di cui siamo degni. Significa riconoscere e rispettare i propri bisogni autentici, accettarsi e stimarsi per ciò che si è, iniziando a volersi bene veramente;
  • quando ci liberiamo di qualsiasi pressione e aspettativa esterna:
  • prendiamo le nostre decisioni liberamente, tenendo in considerazione solamente ciò di cui abbiamo necessità e che desideriamo veramente. Iniziamo a comprendere che frustrazione e insoddisfazione, sono sentimenti non nostri e che appartengono a chi si è formato delle credenze riguardo a come dovremmo essere.

Inoltre, puoi iniziare a volerti bene anche scegliendo di iniziare un percorso di crescita personale come il Coaching, in cui avrai la possibilità di imparare ad amare te stesso, liberando i tuoi talenti e facendo "fiorire" la bellezza che c'è in te! Un Coach, infatti, attraverso sessioni mirate ti supporta e accompagna a valorizzarti, a riacquisire la fiducia ed autostima in te stesso, a cambiare e migliorarti attraverso la pianificazione di obiettivi e di azioni efficaci.

Ti lascio con una poesia molto bella di Charlie Chaplin intitolata "Quando ho cominciato ad amarmi davvero"

Ultimo aggiornamento: